Cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore

cosa vedere a Castefranco Veneto i poche ore- Duomo- campanile-alberi- merlature

Breve itinerario alla scoperta della città natale di Giorgione

Sei in Veneto e stai decidendo quali luoghi visitare? Allora leggi e scopri cosa vedere a Castelfranco Veneto e inseriscilo nel tuo itinerario.

Castelfranco Veneto è una cittadina nel cuore del Veneto, situata al centro di un triangolo immaginario che unisce le città di Vicenza, Padova e Treviso. Questa sua posizione non è casuale, anzi. Infatti l’insediamento fortificato fu costruito alla fine XII secolo dal Comune di Treviso per presidiare il confine con le altre due città venete rivali. Il suo nome particolare deriva dal fatto che a insediarvisi vi furono cento famiglie di uomini liberi. A esse furono, infatti, concessi terre e case esenti da tasse e quindi per legge era un castello “franco”, cioè libero dalle imposte.

Per la sua posizione strategica, come puoi intuire, nei secoli successivi fu al centro di molti scontri tra le forze locali, subendo anche lunghi assedi. La svolta positiva per la fortezza si ha quando assieme a Treviso passa sotto la dominazione veneziana nel 1339. Infatti sotto la Repubblica di Venezia il borgo inizia a svilupparsi economicamente grazie allo sfruttamento dei grandi latifondi che la circondavano. Inoltre il territorio circostante cominciò a diventare ambito luogo di villeggiatura per le famiglie più importanti della Serenissima che vi costruirono bellissime ville.

Questo fenomeno favorì la crescita culturale del piccolo borgo che divenne un luogo d’incontro per molti artisti e architetti. Forse non è una coincidenza che proprio Castelfranco sia il borgo natale di uno dei più grandi pittori veneti, Giorgione. Oggi il centro storico rimane un luogo molto interessante e suggestivo da visitare anche solo per qualche ora. Quindi continua a leggere se vuoi sapere cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore!

Cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore: le mura e la torre civica

Giunto a Castelfranco Veneto noterai subito le alte mura che circondano in gran parte il piccolo centro storico e formavano il perimetro originario del borgo. I segni del tempo e degli assedi che hanno subito sono evidenti, ma forse è proprio ciò che le rende così affascinanti. Il possente quadrato di mattoni rossi è alto 17 metri e lungo 230 metri per lato e conserva le quattro torri angolari più due mediane.

Cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore- Mura- torri- fossato- merlature
Mura di Castelfranco (Credit to Matteo Marongiu)

Tra esse quella più bella e meglio conservata è la cosiddetta Torre Civica che si erge a metà del lato orientale della cinta muraria. A renderla particolare c’è innanzitutto il grande quadrante azzurro dell’orologio sormontato dal leone di San Marco con un libro aperto simbolo di pace. Poi, al culmine, rispetto alle altre torri, c’è anche una caratteristica cella campanaria ottagonale con cupola. Inoltre la torre è interessante perché è un osservatorio privilegiato sul territorio circostante.

Cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore- Torre Civica- orologio- Leone di San Marco
Torre Civica (Credit to Matteo Marongiu)

Riguardo l’antica fortezza devi, infine, sapere che è costruita su un terrapieno e ai suoi piedi è presente un fossato in cui scorre ancora l’acqua. Lungo le sue sponde si può passeggiare all’ombra di alti alberi e godere al meglio della sua bellezza.

Cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore: il Duomo

Un luogo fondamentale in una lista di cosa vedere a Castelfranco Veneto è sicuramente il Duomo dedicato a Santa Maria Assunta e San Liberale. Girovagando lungo il perimetro esterno del borgo antico abbiamo scoperto per caso che lo si poteva raggiungere senza passare da una delle due porte principali. Infatti attraversato un piccolo ponticello pedonale si arriva sotto una delle antiche torri della cinta muraria a pochi passi dall’abside della chiesa. Con il suo aspetto austero e spoglio e le merlature abbiamo fatto fatica a intuire immediatamente che funge da campanile del duomo.

Una volta superato bastano pochi passi per arrivare nella piccola piazzetta antistante la chiesa che è anche l’unico spiazzo all’interno della cinta muraria. La facciata del duomo è in stile neo-classico ed è caratterizzato dall’alternarsi del bianco delle semicolonne e del timpano e il rosa della parete.

Cosa Vedere a Castelfranco Veneto in poche ore- Duomo- facciata-piazza
Facciata del Duomo di Castelfranco (Credit to Matteo Marongiu)

Nonostante la sua bellezza esterna potrebbe appagarti, devi sapere che è l’interno che riserva le sorprese più grandi. Infatti percorrendo l’unica navata che la compone si possono ammirare opere di pregevole fattura di alcuni dei pittori più importanti della Serenissima. Tra queste le più interessanti sono quelle esposte nell’abside rispettivamente di Giambattista Ponchino, Domenico Pellegrini e Palma il giovane.

Cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore- Duomo- Interno- banchi
Interno del duomo 

La Pala di Castelfranco

Senza dubbio, però, l’opera più importante conservata nel Duomo è la meravigliosa Pala di Castelfranco di Giorgione, custodita in una piccola cappella laterale. Questa opera è straordinaria perché, nonostante sia l’unica pala d’altare dipinta dall’artista, ebbe un’enorme influenza sulla pittura veneta dell’epoca. Infatti Giorgione abbandona lo sfondo architettonico, per uno più complesso su due livelli. Quello inferiore terreno, con un pavimento in prospettiva e una balaustra coperta con un drappo rosso. Quello superiore invece con un paesaggio ampio e profondo di campagna popolato a destra da due figure armate e a sinistra da un villaggio turrito in rovina. Il tutto è reso ancora più affascinante dall’uso perfetto della luce atmosferica.

Pala di Castelfranco- Giorgione
Pala di Castelfranco di Giorgione (Credit to Matteo Marongiu)

La sagrestia

Una cosa che non molti non sanno è che anche la sagrestia è un piccolo museo d’arte. Qui sono infatti esposte opere che hanno poco da invidiare a quelle della chiesa. Qui sono esposti infatti molte opera tra cui alcuni quadri di Palma il Giovane e di Jacopo Bassano. Su tutti però spicca la presenza di alcuni magnifici affreschi di Paolo Veronese che rappresentano il Tempo e la Fama e alcune virtù.

Affresco del Tempo e della fama- Paolo Veronese-figure allegoriche
Affresco del Tempo e della Fama di Paolo Veronese (Credit to Matteo Marongiu)

L’entrata alla sagrestia non è libera. Quindi ti consigliamo di fare come noi che abbiamo chiesto a uno dei volontari che è stato molto gentile a mostrarcela.

Cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore: Casa Giorgione

Accanto al duomo c’è un antico palazzo nobiliare che oggi è adibito a museo ed è chiamato Casa Giorgione. Il nome non è dovuto al fatto che fosse la casa di proprietà dell’artista, ma perché dedicata a Giorgione e alla sua epoca. Infatti il museo ruota attorno alle due opere lasciate a Castelfranco da Giorgione: la già citata Pala di Castelfranco e un fregio raffigurante le arti liberali e meccaniche. La Casa inoltre è un luogo studiato per far respirare al visitatore l’arte e la cultura del tardo Quattrocento attraverso suggestioni, citazioni e immagini.

L’allestimento infatti affianca abilmente il multimediale ad oggetti d’epoca che puntano ad avvicinare il visitatore all’artista e all’epoca in cui visse. In particolare è molto interessante l’esposizione di strumenti scientifici che ripropongono in forma tridimensionale il fregio simbolo del palazzo.

Casa Giorgione- Sala del Fregio delle arti liberali e meccaniche-museo
Sala del Fregio delle Arti Liberali e Meccaniche del Giorgione

La villa Parco Reverdin Bolasco

L’ultimo luogo che si può vedere a Castelfranco in poche ore non si trova nel perimetro dell’antica fortezza, ma a qualche centinaio di metri. La Villa Parco Reverdin Bolasco infatti si trova in uno dei quartieri sorti attorno alle mura, Borgo Treviso, facilmente raggiungibile a piedi. Quando ci si arriva si intuisce immediatamente perché questo luogo era chiamato “il Paradiso”. Un enorme parco di oltre 7 ettari con oltre 1000 alberi di 65 specie diverse in cui sono collocati edifici e statue di indiscutibile bellezza.

Villa parco reverdin bolasco- Villa reverdin- alberi- serra ispano moresca
Scorcio della Villa Reverdin e della serra in stile ispano moresca

Passeggiando per il parco, infatti, ci si inoltra in macchie di sottobosco, si costeggiano specchi d’acqua e alberi, si attraversano eleganti ponticelli e collinette artificiali. In più si possono ammirare architetture particolari, come la serra in stile ispano-moresco e la Villa con scuderie voluta da Francesco Reverdin nell’800. Però è la parte più a nord, cioè quella più lontana dalla villa, che cela il vero capolavoro del Parco: la Cavallerizza. Questa arena, adibita all’addestramento dei cavalli, è infatti circondata da decine di statue del XVII secolo che la rendono veramente monumentale.

Sempre nella stessa zona a ricordare i vecchi allestimenti quattrocenteschi e seicenteschi sono rimasti la casa del Giardiniere e la Torre Colombara. La prima è la più antica costruzione presente nel parco e doveva essere l’abitazione del giardiniere della villa; la seconda invece è una torre della metà del seicento che costituisce una testimonianza del grande giardino barocco voluto dai proprietari dell’epoca, i Corner.

Dopo tutto questo girare vorrai anche mangiare qualche piatto tipico di Castelfranco Veneto. Continua a leggere e scoprili insieme a noi.

Cosa Mangiare a Castelfranco Veneto

Anche riguardo il mangiare Castelfranco Veneto non lascia assolutamente delusi. Infatti la terra in cui si colloca è un crocevia di prodotti di altissima qualità che si possono assaggiare in uno dei molti locali intorno e dentro le mura. In primis partendo dall’aperitivo si può bere un Prosecco delle vicine colline della Valdobbiadene o in alternativa il più famoso dei cocktail veneti, lo spritz. Per quanto riguarda i piatti tipici a farla da padrone è invece un prodotto locale:  il radicchio variegato di Castelfranco. Per il suo gusto delicato e versatile viene utilizzato in moltissimi piatti che vanno dall’antipasto al dessert (ti consigliamo di assaggiare la Crema di Radicchio in cialda di mandorle, per noi è stata una vera sorpresa!)

Come alternativa ai dessert al radicchio potresti provare la fregolotta, un dolce secco, composto da farina, mandorle, uova, zucchero, sale e crema di latte. È l’ ideale per chi vuole portarsi a casa un dolce ricordo di Castelfranco Veneto.

Ora che conosci cosa vedere a Castelfranco Veneto in poche ore speriamo che tu possa inserirlo nel tuo itinerario alla scoperta del Veneto. E magari facci sapere se ti è piaciuto.

Summary
Cosa vedere a Castefranco Veneto in poche ore
Article Name
Cosa vedere a Castefranco Veneto in poche ore
Description
Sei in Veneto e stai decidendo quali luoghi visitare? Allora leggi e scopri cosa vedere a Castelfranco Veneto e inseriscilo nel tuo itinerario.
Author
Publisher Name
La Scimmia Viaggiatrice
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *