Cosa vedere a Padova. I luoghi da non perdere

Cosa vedere a Padova- Prato della Valle- Basilica di Santa Giustina- Canale- Statue

Breve guida alla scoperta dei luoghi più affascinanti della città veneta

Stai organizzando una vacanza in Veneto e non sai ancora dove andare? Leggi qui e scopri cosa vedere a Padova, non vedrai l’ora di andarci!

Padova è una città dal fascino indiscutibile che abbiamo inseguito per qualche anno attirati dalle bellissime parole  con cui molti ce la descrivevano. Beh quando l’abbiamo visitata le nostre aspettative non sono state assolutamente deluse, anzi pensiamo di ritornarci e approfondirne la conoscenza.

Nel nostro breve soggiorno abbiamo potuto apprezzarne l’arte e la vivacità culturale che a quanto abbiamo scoperto è una sua caratterizza da sempre. Padova infatti sorse per volere dei Veneti tra il XIII e XI secolo a.C.  e già anticamente fu la patria di grandi intellettuali come lo storiografo romano Tito Livio.

Dal Medioevo in poi fu anche uno dei centri culturali più importanti d’Europa. Dapprima venne fondata una delle più antiche università del mondo, nel 1222. Successivamente sotto la casata dei Carraresi divenne una delle capitali della pittura trecentesca. Il fervore culturale, nonostante il passaggio al domino veneziano non si esaurì, anzi continuò attirando molti studiosi e scienziati dell’epoca. Tra essi forse il più famoso fu Galileo Galilei che vi passò quasi vent’anni, potendo sviluppare alcune delle sue teorie più liberamente.

Inoltre la città fu nel ‘500 la prima al mondo a realizzare un Orto botanico e uno spazio interamente dedicato alle rappresentazioni teatrali. In quest’ultima abbiamo letto che si esibiva la prima società di commedianti professionisti della storia moderna.

Ancora oggi la città è culturalmente viva e lo dimostra attraverso tante iniziative, ma soprattutto con la presenza di moltissimi e interessantissimi esempi di Street Art.

Se ti abbiamo incuriosito, allora continua a leggere e scopri insieme a noi cosa vedere a Padova.

Cosa vedere a Padova: La Cappella degli Scrovegni e i Musei Civici agli Eremitani

Il nostro itinerario di cosa vedere a Padova inizia dall’attrazione che ci ha spinto principalmente a venire in questa città: la Cappella di Scrovegni. Vedendola da fuori non si penserebbe affatto che al suo interno ci sia uno dei cicli pittorici più importanti della storia dell’arte. Invece una volta varcata la porta si rimane incantati ad ammirare gli affreschi di Giotto che segnarono il punto di inizio della pittura moderna. A colpire subito è il colore cobalto della volta punteggiata di stelle. Poi abbassando la testa ci si concentra sulle varie scene della vita di Gioacchino, Anna, Maria e Cristo rappresentati con estrema vivacità.

- Cappella degli Scrovegni- Giudizio Universale- Giotto
Interno della Cappella degli Scrovegni parete del Giudizio Universale (Credit to Matteo Marongiu)

Infine lo sguardo si ferma sul “Giudizio Universale”che occupa interamente la parete di fondo. La scena è costruita tutta intorno all’imponente figura del Cristo giudice che genera l’inferno con la sinistra e rivolge lo sguardo e la mano destra agli eletti. Un vero capolavoro!

Per entravi però devi sapere che bisogna prenotare in anticipo perché l’accesso è concesso solo a gruppi di 25 persone per 15 minuti. Questo è dovuto alle stringenti misure che sono state adottate per mantenere una temperatura e un’umidità ideale per la conservazione ottimale degli affreschi.

I Musei Civici agli Eremitani

Con lo stesso biglietto e a pochi passi dalla Cappella degli Scrovegni si possono visitare gli interessanti Musei Civici agli Eremitani. Il complesso museale, ospitato in un ex-convento comprende il Museo Archeologico al piano terra e il Museo di arte Medioevale e Moderna al primo piano. Il Museo Archeologico raccoglie importanti collezioni di reperti di età proto-veneta, e romana che aiutano a comprendere la storia dei primi secoli del territorio padovano. Inoltre è ospitata una ricca sezione egizia in gran parte frutto del lavoro dell’esploratore padovano Giovan Battista Belzoni.

Il Museo di Arte, invece, ospita una ricca selezione di opere realizzate tra il ‘300 e l’800 da alcuni dei più grandi maestri italiani. La lista sarebbe lunga, però ti basti pensare che ci sono opere di Giotto, Tintoretto, Giorgione, Tiziano e Tiepolo, solo per citarne qualcuno. Per noi è stata una vera sorpresa. Quindi, se ami l’arte ti consigliamo di dedicargli un po’ del tempo della tua visita.

Musei civici agli eremitani- Museo di arte medievale e moderna- quadri- sala
Una sala del Museo di Arte medievale e moderna Musei agli Eremitani (Credit to Matteo Marongiu)

Cosa Vedere a Padova: la Basilica di Sant’Antonio

Un’altra tappa fondamentale in un itinerario alla scoperta di cosa vedere a Padova è sicuramente la Basilica di Sant’Antonio. Questo luogo, tappa di pellegrinaggio di migliaia di pellegrini di tutto il mondo, è anche uno dei più amati dai padovani. Per farti capire il legame che c’è tra città e Sant’Antonio basti sapere che i padovani lo chiamano solamente “Il Santo” senza aggiungere il nome.

La Basilica però non è solamente un luogo di culto, ma anche uno scrigno che custodisce opere d’arte di grandi maestri della storia dell’arte italiana. Partendo dall’esterno non si può che notare la commistione di stili che contribuisce a renderlo un edificio davvero affascinante. La facciata a capanna romanica viene scandita da archi gotici. Le cupole in stile bizantino e i due campanili, simili a minareti musulmani, invece sono di chiara influenza orientale. Sulla piazza inoltre si nota anche la celebre statua equestre in bronzo di Donatello, raffigurante il celebre condottiero padovano Gattamelata.

Cosa vedere a Padova- Basilica di Sant'Antonio- Statua equestre del Gattamelata- Bancarelle- Pellegrini
La Basilica di Sant’Antonio (Credit to Matteo Marongiu)

All’interno, con in sottofondo una delle tante messe che si susseguono durante il giorno, si possono ammirare le varie opere ospitate nella Basilica. In primis la Cappella del Gattamelata e quella di San Giacomo affrescata nel 1300 da Andriolo de Santi, uno dei maggiori artisti veneziani di allora. Poi  la Cappella della Crocifissione e la Sala del Capitolo, con un frammento di Crocifissione attribuito a Giotto. Infine il “Tesoro della Basilica” con le reliquie del Santo al centro del deambulatorio. Ovviamente i capolavori da citare sarebbero molti di più, ma speriamo che queste ti bastino a farti venire voglia di visitarla.

Cosa vedere a Padova in un giorno: Prato della Valle e Basilica di Santa Giustina

La nostra breve guida alla scoperta di cosa vedere a Padova continua spostandosi nella zona del Prato della Valle. Questa enorme piazza ellittica è ormai riconosciuta come uno dei simboli più famosi della città. Con i suoi 88620 mq è la seconda piazza più grande d’Europa, dietro soltanto alla Piazza Rossa di Mosca. Per il modo in cui fu concepita e costruita è in realtà più di uno spazio urbano, ma un vero e proprio complesso monumentale. Al centro della piazza, infatti, c’è un isoletta verde, detta isola Memmia, circondata da un canale ornato da un doppio basamento di statue. A ciò si aggiungono quattro scenografici viali che attraversano il Prato su piccoli ponti, per poi incontrarsi al centro dell’isolotto dove c’è una fontana.

Cosa vedere a Padova-Prato della valle-Basilica di Santa Giustina-Fontana-alberi
Fontana di Prato della Valle con sullo sfondo la Basilica di Santa Giustina (Credit to Matteo Marongiu)

Oggi la piazza è uno dei luoghi preferiti dai padovani per passeggiare o anche soltanto rilassarsi un po’. E’ infatti facile, soprattutto nei mesi più caldi, trovare persone leggono o studiano, magari prendendo il sole.

La Basilica di Santa Giustina

Tutto intorno alla piazza sorgono palazzi e monumenti di notevole interesse. Tra essi i più interessanti sono la Loggia Amulea in stile neoclassico e soprattutto la Basilica di Santa Giustina. Quest’ultima è particolarmente importante perché è il luogo di culto più antico della città essendo stata fondata nel V secolo. La sua figura è facilmente riconoscibile da ogni parte della piazza grazie alle otto cupole e alla facciata incompleta in mattoni.

L’interno, a croce latina, è vasto e luminoso ed è ritenuto uno dei massimi capolavori dell’architettura rinascimentale. Qui vi sono esposte, nelle varie cappelle laterali, notevoli opere di Paolo Veronese, Luca Giordano e Sebastiano Ricci. Inoltre in preziose teche sono conservate una numerosa quantità di reliquie di santi tra cui quelle di San Luca Evangelista e la stessa Santa Giustina.

Un po’ nascosto inoltre c’è il bellissimo Sacello di S. Prosdocimo. Questo è una piccola cappella votiva con ricche decorazioni in marmo e mosaici fatto costruire alla fine del VI secolo. Un vero capolavoro di età tardo-antica.

Cosa vedere a Padova in un giorno: L’Orto Botanico

A pochi metri da Prato della Valle si incontra il famoso Orto Botanico di Padova. Questo luogo ci ha colpito non soltanto per l’enorme varietà di piante provenienti da tutto il mondo, ma soprattutto per la sua storia. Infatti è nato, primo del suo genere, come orto medicinale dell’Ateneo padovano nel 1545 e fu determinante per l’evoluzione di molte discipline come la medicina e la farmacia. Per questo motivo dal 1997 è entrato a far parte dei siti tutelati dall’Unesco.

Ancora oggi continua a essere un centro di ricerca e perciò si è dovuto rinnovare molto. Infatti è stata costruita un’avveniristica serra, chiamata Giardino della Biodiversità che accoglie oltre mille piante provenienti da zone molto diverse. Questo ambiente è molto interessante perché creato allo scopo di raccontare il pianeta ponendo l’attenzione unicamente sul mondo vegetale e la sua evoluzione.

Durante il resto della visita abbiamo scoperto anche che nell’orto sono stati ricostruiti ben cinque ambienti naturali dove vengono coltivate le piante che li caratterizzano. Con curiosità abbiamo attraversato la macchia mediterranea, la roccera alpina, l’ambiente d’acqua dolce, la zona delle piante succulente e la serra tropicale delle orchidee.

Orto botanico di Padova- vasca- ambiente acqua dolce- piante
La vasca che riproduce l’ambiente d’acqua dolce

Infine ci siamo soffermati ad ammirare la pianta più antica dell’Orto botanico. Questa, una palma di San Pietro, venne piantata nel 1585 ed è conosciuta come Palma di Goethe. Il nome deriva dal fatto che si dice questa pianta ispirò allo scrittore tedesco una teoria sulla metamorfosi delle piante.

Per noi l’Orto Botanico è stata una piacevole scoperta e pensiamo che possa interessarti anche se non sei appassionato di piante. Infatti questo luogo sa raccontare molto del passato e del futuro di Padova.

Cosa vedere a Padova: le vie e le piazze del Centro

Una visita tra le vie e le piazze del centro è d’obbligo. Infatti camminarci permette di immergersi pienamente nell’atmosfera padovana e di scoprire luoghi interessanti di Padova, anche in zone meno frequentate dai turisti.

Piazza delle Erbe e Piazza della Frutta

Camminare quindi nel centro di Padova significa imbattersi in numerose piazze che soltanto dal nome evocano la loro funzione nel tempo. Tra esse le più famose sono sicuramente Piazza delle Erbe e Piazza della Frutta divise al centro dall’imponente Palazzo della Ragione. Piazza delle Erbe, anticamente chiamata delle Biade e poi del Vino, ospita uno dei mercati più pittoreschi della città. La piazza infatti ogni mattina si riempie di circa 70 bancarelle di frutta e verdura, mentre, attorno alla fontana, si posizionano quelle di fiori. La sera, invece, i protagonisti sono gli studenti universitari e i padovani che si ritrovano per gustare l’aperitivo.

Cosa vedere a Padova- Piazza della Frutta- Palazzo della Ragione
Piazza della Frutta e Palazzo della Ragione (Credit to Matteo Marongiu)

Da piazza delle Erbe si può raggiungere  Piazza della Frutta attraverso il grande arco nei pressi della fontana, denominato Vòlto della Corda. Il nome deriva dal fatto che lì bugiardi, imbroglioni e debitori insolventi venivano colpiti sulla schiena con una corda.  La piazza, un tempo chiamata del Peronio, perché vi si vendevano zoccoli e stivaletti, oggi invece ospita un colorato mercato di frutta e verdura, spezie e cereali vari.

Tra le due piazze, come abbiamo detto, si erge il Palazzo della Ragione, importante simbolo cittadino che rappresenta uno dei più grandi spazi coperti dell’architettura italiana. Infatti  è lungo circa 80 metri, largo 27 ed è coperto dalla struttura lignea alta quasi 40 metri. L’interno, un gigantesco salone è decorato da 500 affreschi con tema astrologico e religioso. Nella fascia inferiore invece compaiono le figure di animali sotto le quali i giudici e i notai si sedevano. Il giudicato, infatti, riceveva una carta con il simbolo del giudice assegnato cosicché, anche se fosse stato analfabeta, lo avrebbe trovato con facilità.

Piazza dei Signori

A pochi metri da Piazza delle Erbe si incontra un’altra piazza simbolicamente molto importante per Padova: Piazza dei Signori. Qui sorgeva infatti la grande Reggia dei Carraresi che furono signori di Padova dal 1318 al 1405. La piazza oggi è circondata dalle facciate di antiche case porticate che ai piani superiori sfoggiano belle terrazze ornate da poggioli in ferro battuto. Su alcuni di essi è persino possibile scorgere i resti delle decorazioni medievali e rinascimentali che le ricoprivano.

Cosa vedere a Padova-Piazza dei Signori-Torre dell'Orologio- orologio astronomico-
Piazza dei Signori (Credit to Matteo Marongiu)

A impreziosire la piazza ci sono l’antica Chiesa di San Clemente, il Palazzo del Capitanio e il Palazzo dei Camerlenghi. A dividere questi ultimi si distingue facilmente la bella Torre dell’Orologio con un grande quadrante astronomico su cui si possono notare i simboli dei segni zodiacali. Sul lato meridionale invece spicca l’elegante Loggia della Gran Guardia, edificio cinquecentesco dove si riuniva il Maggior Consiglio cittadino. Tutto questo insieme di monumenti rende Piazza dei Signori un punto fondamentale del nostro elenco delle cosa da vedere a Padova.

Il ghetto ebraico

Nel pieno centro della città si trova anche una zona spesso non frequentata dai turisti, ma che noi riteniamo ricca di fascino: il Ghetto Ebraico. Questo piccolo quartiere, è infatti uno stretto labirinto di vie caratterizzate da alti palazzi che impediscono quasi alla luce di penetrare.  L’altezza di questi palazzi non è casuale, ma è dovuto ad un fatto ben preciso. Infatti la comunità ebraica tra il 1606 e il 1797 fu obbligata in toto ad abitare in questa zona. Nello stesso periodo, però, la popolazione crebbe e quindi ebbe necessità di ampliare le case in altezza. Le più alte da osservare sono le case-torri che si trovano all’incrocio tra via Marsala e via S. Spirito .

 Ghetto Ebraico-Piazzetta- Tavolini- Botteghe- Locali piatti Tipici
Scorcio della Piazzetta del Ghetto Ebraico (Credit to Matteo Marongiu)

Oltre alle case e alle strette vie, però, ci hanno  affascinato molto i tanti scorci suggestivi  e le piccole botteghe dalla tradizione molto antica. Tra esse ti consigliamo di fermarti a fare una pausa in una delle enoteche e o dei localini dove si possono provare i piatti tipici. E’ un esperienza molto piacevole.

Le Riviere

Tra le cose da vedere a Padova e che spesso non rientrano negli itinerari turistici sono i canali e le riviere. Forse non sai, ma Padova è una città attraversata da molti canali che negli ultimi anni sono stati recuperati e resi nuovamente fruibili. Noi perciò ti consigliamo di fare una è passeggiata lungo le riviere in particolare nel tratto tra Riviera San Benedetto e Riviera Paleocapa. Oltre a essere molto rilassante e utile a scoprire un’ulteriore aspetto della città ti permetterà di ammirare uno spettacolare scorcio sulla Torre dell’Osservatorio astronomico della Specola.

Cosa vedere a Padova-Canali-Riviere-Torre della Specola- Osservatorio Astronomico
Scorcio sulla torre dell’Osservatorio astronomico della Specola (Credit to Matteo Marongiu)

Cosa vedere a Padova: il Duomo e il Battistero

Passeggiando per il centro di Padova una visita la meritano anche il Duomo e soprattutto il Battistero.  Il Duomo non spicca, come altri edifici del centro, per bellezza, anzi la facciata, su cui si aprono i tre portali, è incompleta. L’interno invece è molto ampio e luminoso, quasi minimale nella sua mancanza di decorazioni pittoriche. Le principali attrattive del Duomo, quindi, vengono dalla presenza di alcune opere pregevoli. Tra esse il monumento sepolcrale onorario di Francesco Petrarca, una Madonna col Bambino di Giusto de’ Menabuoi e alcune tele di Giandomenico Tiepolo.

Molto più interessante è l’adiacente Battistero. L’edificio risale alla fine del XII secolo ma è stato ricostruito nella sua forma attuale nel 1260. Ha una pianta quadrata con un alto tamburo circolare, una cupola e un’abside con cupoletta. Il tutto è decorato da uno straordinario ciclo di affreschi considerato il capolavoro di Giusto de’ Menabuoi, uno dei migliori artisti del ‘300.  La sensazione che si ha guardando la cupola è quella di essere osservati da centinaia di angeli e santi disposti attorno al Cristo Pantocratore. Sulle altre pareti e sui pennacchi inoltre sono rappresentate scene delle “Storie della Genesi“, di “Profeti ed evangelisti” e di “Storie di Cristo e del Battista“.

Cosa vedere a Padova- Battistero- Cupola- Affreschi- Giusto de' Menabuoi
Cupola affrescata del Battistero (Credit to Matteo Marongiu)

Cosa vedere a Padova: la Street Art

Un aspetto molto interessante di Padova, come ti abbiamo accennato all’inizio dell’articolo, è la sua vivacità culturale. Questa si esprime sia con l’organizzazione di molti eventi , sia soprattutto con la presenza in città di molte opere di  street art. Infatti è facilissimo imbattersi girando per le sue vie in coloratissimi murales di artisti padovani tra cui Kenny Random, Tony Gallo e il collettivo Ead Crew.

Keny Random- Murales- Street Art- colori
Un’opera di Kenny Random (Credit to Samuele Beltrame)

Qualora fossi interessato ad ammirarli e non volessi girare per tutta la città fai come noi e segui la mappa della Street art che ha ideato il blog Il Pensiero Viaggiatore. E’ davvero utile!

Un’ultimo consiglio che ti vogliamo dare è quello di acquistare la Padova Card. Questa carta,valida 48 o 72 ore, rispettivamente al costo di 16 e 21 € permette l’ingresso alla maggior parte dei luoghi che ti abbiamo indicato. Inoltre garantisce l’utilizzo gratuito dei mezzi pubblici sia urbani che extra urbani in direzione delle vicine terme di Abano. A noi è stata utilissima!

Ora che conosci i luoghi più interessanti da vedere a Padova devi soltanto decidere quando andarci.

Summary
Cosa vedere a Padova. I Luoghi da non perdere
Article Name
Cosa vedere a Padova. I Luoghi da non perdere
Description
Stai organizzando una vacanza in Veneto e non sai ancora dove andare? Leggi qui e scopri cosa vedere a Padova, non vedrai l’ora di andarci!
Author
Publisher Name
La Scimmia Viaggiatrice
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *