Cosa vedere a Treviso in un giorno

Cosa vedere a Treviso in un giorno- Canale dei Buranelli- Ponte dei Buranelli- Cagnan Medio- Riflessi- Palazzi

Breve itinerario alla scoperta della piccola Venezia di Terraferma

Sei in vacanza in Veneto e cerchi una città bella e dagli scorci romantici? Allora leggi e scopri cosa vedere a Treviso in un giorno, ne rimarrai affascinato!

Treviso è una bella città situata nella bassa Pianura Veneta, in una zona ricchissima di risorse idriche. Questo aspetto si nota immediatamente quando si giunge in città. Canali e fiumi di risorgiva attraversano il centro cittadino tanto che, se non si sapesse di essere a 30 km da Venezia, ci si potrebbe confondere. Treviso, a differenza della più nota città lagunare, ha il pregio di non essere invasa dal turismo di massa; quindi può essere visitata godendo tranquillamente della sua bellezza.

Le origini della città sono molto antiche. Un primo nucleo cittadino esisteva, infatti, già molti secoli prima della conquista romana della regione. Qui infatti si stabilirono popolazioni venete che la scelsero per la ricchezza di acque. Nel periodo romano, poi, fu un importante centro commerciale sulla via Postumia che collegava Genova con Aquileia. L’epoca di maggior sviluppo e importanza fu però il medioevo. Prima fu sede di uno dei 36 ducati del Regno Longobardo. Poi secoli dopo si contese la supremazia sul Veneto con Padova, tanto da costruire sul confine la bella città fortezza di Castelfranco.

Dopo questo periodo florido in cui Treviso si era trasformata in Signoria, però, quest’ultima entrò in crisi. Ciò fece sì che nel 1339 la città si sottomettesse spontaneamente a Venezia. Da lì Treviso ebbe sempre un rapporto privilegiato con Venezia che le garantì un lungo periodo di pace e prosperità finché entrambe non vennero inglobate nel Regno d’Italia.

Le cose da dire sulla storia di Treviso sarebbero molte altre, ma le potrai scoprire visitandola. Intanto iniziamo a scoprire i luoghi più interessanti da vedere a Treviso in un giorno.

Cosa vedere a Treviso in un giorno: i Canali e le Riviere

Sembra strano iniziare un elenco di cosa vedere a Treviso in un giorno proprio da i suoi canali e non da un edificio o un’opera. La nostra scelta deriva dal fatto che sono proprio queste vie d’acqua che regalano alla città la sua caratteristica atmosfera da piccola Venezia di Terraferma. I Canali (detti Cagnani) sono tutti originati dalla ramificazione del fiume Botteniga e sfociano tutti nell’altro fiume, il Sile.

 Cagnan Grande- Alberi-Palazzi- scorcio
Scorcio sul Cagnan Grande (Credit to Matteo Marongiu)

Il più grande è appunto il Cagnan Grande, detto anche Canale della Pescheria, che nasce all’altezza di Ponte de Pria attraversando il centro abitato fino a lambire l’Isola della Pescheria. Questa isola artificiale è uno dei luoghi più caratteristici di Treviso poiché ancora oggi vi è collocato il colorito mercato del pesce cittadino. Inoltre questa zona permette di ammirare bellissimi scorci sui palazzi antichi che si specchiano nelle acque scure e la ruota funzionante di un vecchio mulino.

Cosa vedere a Treviso in un giorno- Isola della Pescheria- Cagnan Grande- Canale- alberi-riflessi
L’isola della Pescheria sul Cagna Grande (Credit to Matteo Marongiu)

Più suggestivo e ricercato dai turisti è il Cagnan Medio, conosciuto meglio come Canale dei Buranelli (non a caso lo abbiamo scelto come foto principale dell’articolo). Questo si infila piccolo attraverso le i palazzi e in alcuni tratti addirittura scompare, per riapparire poco più avanti. In alcuni punti, soprattutto all’altezza del ponte dei Buranelli sembra proprio di attraversare un canale di Venezia. Il nome più famoso con cui è conosciuto il canale deriva dal fatto che lungo il canale c’era il magazzino dei commercianti provenienti dall’Isola di Burano.

Meno frequentato, ma altrettanto pittoresco è il Cagnan della Roggia o Siletto. Questo percorre l’ala ovest del centro storico, passa nelle vicinanze di Piazza Duomo e di Piazza Borsa, regalando scorci non meno affascinanti dei primi due.

Le Riviere

Come abbiamo detto i Canali dopo aver attraversato il centro storico di gettano nel fiume Sile dove questo lambisce le antiche mura e il Quartiere Latino. Questa zona molto bella e ideale per una passeggiata rilassante regala scorci non meno suggestivi rispetto a quelli dei cagnani. Il più interessante è quello che si incontra attraversando il Ponte Dante che si trova alla confluenza del fiume con il Cagnan Grande. Qui si trova una stele che ricorda il lungo soggiorno del sommo Poeta in città durante il suo esilio da Firenze. La scelta del punto dove porre la stele non fu casuale, in quanto lo stesso Dante lo cita nella Divina Commedia (Paradiso, IX, 49). Un altro punto interessante si trova solo pochi metri più lontano dove si incontra il Castello Romano. In realtà non è proprio un castello visto che è sorto alla fine dell’Ottocento, ma grazie alla sua posizione dominante non passa inosservato.

Fiume Sile- Castello Romano- Riviera Garibaldi
Il Castello Romano (Credit to Matteo Marongiu)

Cosa vedere a Treviso in un giorno: Piazza dei Signori e La Loggia dei Cavalieri

Il secondo luogo simbolo di Treviso che bisogna assolutamente visitare è Piazza dei Signori, il vero centro culturale, storico e sociale della città. Qui infatti sorgono i due palazzi che testimoniano i periodi più importanti per Treviso. Il primo è il Palazzo dei Trecento dove si riuniva il Maggior Consiglio, un’assemblea che svolgeva sia un ruolo politico che giudiziario. Il palazzo è in mattoni a vista, con una bella loggia, una serie di trifore che danno luce al salone interno e una bella merlatura. Sul lato è presente anche un imponente scalone che conduce al piano superiore e rappresenta un ottimo punto di vista sul quartiere circostante.

Cosa vedere a Treviso in un giorno- Piazza dei Signori- Palazzo dei Trecento- Palazzo Podestà
Piazza dei Signori (Credit to Matteo Marongiu)

L’altro edificio che si affaccia sulla piazza è il Palazzo del Podestà.  Si riconosce facilmente grazie alla Torre Civica, alta ben 48 metri e alla serie di trifore e bifore che seguono tutta la facciata. Come si evince dal nome fu sede del Podestà e poi dei vari signori che si succedettero alla guida di Treviso nel medioevo. In tutta la piazza poi si possono notare inoltre numerosi leoni di San Marco con il Vangelo aperto, segno della lunga dominazione di Venezia sulla città.

A poche decine di metri dalla piazza si trova un altro importantissimo edificio per la storia di Treviso: la Loggia dei Cavalieri. Situato all’incrocio tra via dei Martiri e via Indipendenza è il simbolo del potere assunto dai nobili durante il periodo comunale. Sotto questo loggiato in stile romanico, infatti, si riunivano i nobili per convegni, giochi e conversazioni. Sulle pareti, sia all’interno che all’esterno sono presenti delle belle decorazioni pittoriche con scene di cavalieri e episodi tratti dal romanzo cortese Roman de Troie.

Cosa vedere a Treviso in un giorno- Loggia dei Cavalieri- Affreschi medievali-
La Loggia dei Cavalieri (Credit to Matteo Marongiu)

Cosa vedere a Treviso in un giorno: il Duomo

Una volta visitata Piazza dei Signori, percorrendo Calamaggiore, la via dello shopping trevigiano, si giunge nei pressi del Duomo, dedicato a San Pietro. L’origine della chiesa è molto antica, tanto che si pensa che sia stata costruita nel VI secolo sui resti di un antico tempio pagano. La sua forma attuale, però, è tutt’altro che antica e risale all’800. Rispecchia, infatti, in toto i canoni del neoclassico con la sua facciata che richiama un tempio romano. Tuttavia, a parte le sette cupole che spiccano con il colore verde, il resto della struttura non colpisce l’occhio.

Duomo- neoclassico- colonne- frontone- scalinata
Facciata del Duomo (Credit to Matteo Marongiu)

 Ti consigliamo, però, di entrare perché all’interno sono custodite opere pittoriche veramente notevoli. La maggior parte di queste sono concentrate nella Cappella dell’Annunziata o del Malchiostro che si trova alla sinistra dell’altare maggiore. La Cappella è preceduta da un piccolo vestibolo dove sono esposte alcune tele rinascimentali di Paris Bordon, Domenico Capriolo e Girolamo da Treviso. Poco più avanti si entra in un ambiente molto suggestivo dove lavorarono i due pittori più moderni del XVI secolo veneziano: il Pordenone e Tiziano. Il primo affrescò le pareti e la cupola con scene del vangelo e personaggi della storia della chiesa. Il secondo invece si impegnò nella realizzazione della bellissima Pala dell’Annunciazione. La scena è costruita in modo eccezionale con in primo piano la Vergine colta nell’atto di guardare l’arrivo dell’angelo dal fondo. Particolare è anche la figura del committente che osserva di nascosto la scena sporgendosi dalla parete.

Cosa vedere a Treviso in un giorno- Duomo- Cappella dell'Annunciazione- pala dell'Annunciazione- Tiziano- il Pordenone
Cappella dell’ Annunciazione (credit to Matteo Marongiu)

Cosa a vedere a Treviso in un giorno: i Musei Civici

Treviso, come abbiamo visto è una città dal fascino incredibile con i suoi meravigliosi canali e il suo centro storico medievale. La città però non ci ha stupito solamente per questo, ma anche perché sono presenti dei musei molto belli e di vario genere. Tra questi vogliamo consigliarti quelli che riteniamo i più interessanti a livello artistico e storico: il Museo Civico di Santa Caterina e il Museo Bailo. Entrambi fanno parte dei Musei Civici di Treviso e si possono visitare con un biglietto cumulativo.

Museo di Santa Caterina

Nel Pieno del Centro storico di Treviso sorge il Museo di Santa Caterina, un luogo fondamentale per capire la lunga storia della città e ammirare ciò che ha prodotto. Noi lo abbiamo trovato talmente interessante da averlo inserito nel nostro articolo sui Musei d’arte meno conosciuti da vedere in Italia.  Il Museo è allestito in quello che era un antico convento con due bei chiostri, e si divide in tre sezioni principali.

La prima è la sezione Archeologica tra piano terra e interrato che raccoglie sia reperti preistorici che oggetti molto raffinati di età classica. Tra questi ci hanno colpito alcuni contenitori in vetro colorato, ma soprattutto alcuni bronzetti finemente lavorati e le grandi decorazioni in pietra di alcuni monumenti antichi.

Al primo piano, invece, c’è la sezione che ci ha colpito di più sia per la qualità delle opere esposte, sia per il racconto affascinate che fornisce di Treviso. Infatti la Pinacoteca medievale, rinascimentale e moderna permette di capire alla perfezione la passione dei Trevigiani per l’arte e la bellezza lungo i secoli.

Con un percorso cronologico ben costruito il visitatore può ammirare magnifici affreschi medievali, ma anche capolavori rinascimentali di Lorenzo Lotto, Giovanni Bellini e del Pordenone. Proseguendo si passa alle opere manieriste di Paris Bordon , Jacopo Bassano e Tiziano. Infine si arriva alle opere moderne di Giambattista e Giandomenico Tiepolo, Rosalba Carriera, Giovanni Marchiori e Francesco Guardi.

Cosa vedere a treviso in un giorno- Musei Civici- Musei di Santa Caterina- Pinacoteca medievale rinascimentale e moderna- arte- quadri
Sala della Pinacoteca medievale, rinascimentale e moderna (Credit to Matteo Marongiu)

L’ultima sezione del museo, non meno interessante delle precedenti, è l’interno della chiesa di Santa Caterina che ospita il ciclo di affreschi delle Storie di Sant’Orsola. Questi provenienti dalla chiesa di Santa Margherita agli Eremitani, furono dipinti da Tommaso da Modena e sono uno dei capolavori del Trecento Italiano.

Il Museo Bailo

Per proseguire il percorso cronologico nell’arte trevigiana bisogna spostarsi dalle parti del Duomo al Museo Bailo. Anche questo museo è ospitato da un antico convento medievale. Questo ha subito, però, una notevole ristrutturazione dai primi anni duemila che lo ha reso più moderno e funzionale alle visite. Al suo interno sono ospitate opere che vanno dalla metà dell’800 a metà del secolo scorso, in un percorso che tocca inevitabilmente tutte le correnti artistiche. Si passa infatti dal verismo, ai macchiaioli, al movimento di Ca’ Pesaro e infine alle vivaci correnti che nacquero tra le due guerre mondiali.

Musei civici di Treviso- Museo Bailo-arte contemporanea- scultura- pittura
Sala del Museo Bailo

L’artista più rappresentato è Arturo Martini di cui viene seguita tutta l’evoluzione artistica dalla giovinezza ala maturità. Tra gli altri artisti possiamo citare Gino Rossi, Ottone Zorlini, Guido Cacciapuoti, Aldo Voltolin, Nino Springolo e Carlo Conte.

Cosa vedere a Treviso in un giorno: la Chiesa di San Francesco

In un giorno non si può vedere tutto ciò che può offrire Treviso, però, ci sono tappe che non possono mancare in un itinerario. Una di queste è la Chiesa di San Francesco, un edificio importante sia a livello spirituale che artistico. La chiesa fu fondata da un gruppo di frati francescani giunti in città per volere del Santo agli inizi del ‘200. Come si può intuire quindi il suo stile rispecchia sia la semplicità e l’austerità dell’ordine, sia i canoni del romanico-gotico in voga in quegli anni.

Chiesa di San Francesco di Treviso- stile romanico gotico- affreschi-
Interno della Chiesa di San Francesco

A livello artistico la chiesa è importante perché ospita al suo interno alcuni capolavori dell’arte due-trecentesca di cui Treviso fu uno dei centri più vivaci. In primis, sopra al portale, c’è un affresco bizantineggiante attribuito a Marco Veneziano. Poi sulla parete sinistra c’è un affresco più tardo, in stile romanico-bizantino, raffigurante San Cristoforo. Nell’abside invece sono presenti affreschi riconducibili alla scuola veneto-emiliana di Tommaso da Modena. Infine di quest’ultimo nella prima cappella a sinistra (cappella Giacomelli) è presente l’affresco della Madonna col Bambino e sette santi. Questa opera è il vero capolavoro artistico della chiesa e testimonia il raffinato stile gotico del maestro emiliano allora attivo in città.

Cosa vedere a Treviso in un giorno: la Chiesa di San Nicolò

Seguendo l’attività artistica di Tommaso da Modena si giunge all’ultima tappa del nostro itinerario alla scoperta dei luoghi da vedere a Treviso in un giorno. La Chiesa di San Nicolò è infatti un altro edificio dove la mano del maestro trecentesco e della sua scuola hanno lasciato segni evidenti del loro passaggio. La chiesa come edificio si presenta molto imponente, tanto che è l’edificio religioso più grande della città. Fu costruito dai domenicani all’inizio del ‘200 e rappresenta, in modo più grandioso rispetto alla coeva chiesa di San Francesco, un bellissimo esempio di romanico-gotico.

All’interno è diviso in tre navate da robuste colonne che sorreggono il semplice tetto in legno. Sulla seconda colonna a sinistra si notano alcuni affreschi di Tommaso da Modena che raffigurano San GirolamoSanta Agnese e San Romualdo. Lungo le navate, inoltre, vi sono altri affreschi che sono direttamente attribuibili alla sua scuola che fu molto importante per l’evoluzione pittorica della città.

Cosa vedere a Treviso in un giorno- Chiesa di San Nicolò- affreschi- coonne- Tommaso da Modena- navata centrale
Interno della Chiesa di san Nicolò con gli affreschi di Tommaso da Modena

Infine non legata all’arte trecentesca, ma davvero interessante, è la tomba del senatore Agostino Onigo. Questa fu costruita nel ‘500 all’interno del presbiterio e fu ornata da opere di grandi artisti dell’epoca. Per la parte scultorea prestò opera Giovanni Buora da Osteno, della bottega dei Lombardi. Per la parte pittorica, invece, si pensa a Giovanni Buonconsiglio, detto il Marescalco anche se alcuni sostengono che sia di Lorenzo Lotto.

Come abbiamo detto, una città interessante e ricca di arte e storia come Treviso non si può conoscere in ogni suo punto in un solo giorno. Tuttavia con questo piccolo itinerario alla scoperta di cosa vedere a Treviso in giorno potrai farti un’idea della sua bellezza e decidere magari di ritornare per scoprirla meglio. Buon viaggio!

Summary
Cosa vedere a Treviso in un giorno
Article Name
Cosa vedere a Treviso in un giorno
Description
Sei in vacanza in Veneto e cerchi una città bella e dagli scorci romantici? Allora leggi e scopri cosa vedere a Treviso in un giorno, ne rimarrai affascinato!
Author
Publisher Name
La Scimmia Viaggiatrice
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *