Cosa vedere ad Asti, città delle cento torri

cosa vedere ad Asti- Piazza San Secondo-Colleggiata di San Secondo-Comune di Asti

Breve guida di cosa fare e visitare ad Asti

Stai pensando al Monferrato per una gita o un weekend? Allora scopri con noi cosa vedere ad Asti e inseriscila nel tuo itinerario.

Asti è con Casale e Acqui Terme il centro più importante del Monferrato, territorio che fa parte con  Langhe e Roero dei patrimoni UNESCO. Questa città per noi è abbastanza familiare perché la frequentiamo da molto tempo sia per lavoro che per amicizie. Ciò ci ha permesso di scoprirne gli angoli più belli che la rendono una meta interessante per chi ama la cultura e il buon vino. Tutti infatti sanno che Asti è una delle capitali italiane del vino, ma molti meno la conoscono come una città dalla storia antica. Asti infatti fu fondata dai romani e divenne molto presto uno snodo importante per gli scambi commerciali tra la costa ligure e il nord. Di questo periodo però in città rimangono pochi segni evidenti che si riconoscono a fatica.

Nel centro storico invece sono tanti gli edifici che ricordano il periodo medievale, forse il più florido per la città. Nei primi secoli del secondo millennio infatti Asti era un comune libero che batteva moneta propria ed era considerata la più potente città del Piemonte. All’epoca le famiglie più ricche, divise tra guelfi e ghibellini, si sfidavano nel costruire palazzi imponenti e soprattutto torri sempre più alte e belle. Non a caso ad Asti fu affibbiato il titolo (come ad altre città italiane) di “città delle cento torri”.

Dopo essersi spontaneamente sottomessa alla protezione  del re di Napoli Roberto d’Angiò nel ‘300, la città fu dominata prima dai Visconti e poi dagli Orlèans. Nel 1531 infine fu ceduta ai Savoia di cui seguì le sorti fino all’Unità d’Italia.

Dopo questa introduzione, possiamo iniziare a scoprire le cose più belle da vedere ad Asti. Continua a leggere!

Cosa vedere ad Asti: la Cattedrale di Santa Maria Assunta

Cosa vedere ad Asti- Cattedrale di Santa Maria Assunta- Duomo di Asti-Rosoni-portali
Cattedrale di Santa Maria Assunta (Credit to Matteo Marongiu)

Il nostro itinerario alla scoperta di cosa vedere ad Asti inizia dalla Cattedrale di Santa Maria Assunta. Questa chiesa maestosa è una delle più grandi del Piemonte ed uno dei più begli esempi del gotico lombardo. All’esterno colpiscono particolarmente le decorazioni policrome con i mattoni alternati all’arenaria e i tre grandi portali con ghimberghe a cui corrispondono altrettanti rosoni. Sul lato che si affaccia sulla piazza invece spiccano un altro ricco portale che oggi funge da entrata principale e l’alto campanile quadrato. Se all’esterno sembra già alta, all’interno la cattedrale diventa ancora più imponente . Grandi pilastri sorreggono le volte a crociera affrescate con scene della Bibbia, mentre nelle navate laterali sono ospitate delle opere veramente interessanti degli artisti monferrini Gandolfino da Roreto e il “Moncalvo”.

Cosa vedere ad Asti: la Collegiata di San Secondo

Un’altra tappa fondamentale di un itinerario alla scoperta di Asti è sicuramente la Collegiata di San Secondo. Questa chiesa si trova nel cuore della città a fianco del palazzo comunale ed è una delle chiese astigiane più antiche. Si dice che fu edificata nel luogo in cui il patrono di Asti fu martirizzato e sepolto. La Colleggiata fu ricostruita più volte e ora si presenta con le tipiche fattezze di una chiesa gotica con i suoi portali sormontati da ghimberghe. Ad abbellire la bella facciata in mattoni ci sono anche tre rosoni e una nicchia in cui è conservata la statua del santo.

Il legame degli astigiani con questa chiesa è veramente profondo, non soltanto perché custodisce le reliquie del santo, ma anche perché vi si conservano gli stendardi del Palio. All’interno infatti nella cappella di San Secondo si possono ammirare alcuni degli antichi Palii con le effige di San Secondo a cavallo. Nella Cappella dei Palii invece si possono osservare alcuni degli stendardi delle ultime edizioni del Palio d’Asti. La gara si svolge ogni anno la prima domenica di settembre nel circuito di Piazza Alfieri e coinvolge  21 tra rioni, borghi e comuni limitrofi. Prima di uscire ti consigliamo di osservare anche le bellissime opere esposte di Gandolfino da Roreto e il coro di noce intagliato.

Cosa vedere ad Asti: le torri medievali

Passeggiando per le vie di Asti ci si imbatte di frequente in alte torri medievali. Come abbiamo già accennato in precedenza risalgono tutte più o meno al periodo in cui Asti era un comune libero e le famiglie ricche si sfidavano a costruirne di più alte e belle. Delle oltre 100 torri esistenti all’epoca oggi ne rimangono ancora venti distribuite un po’ in tutto il centro storico. Tra di esse la più alta con i suoi 44 metri è certamente la Torre Troyana, che si innalza a fianco del Palazzo del governatore. La sua struttura risulta molto elegante grazie alle bifore con cornice bicolore e le belle merlature a coda di rondine ghibelline.

Torre Troyana- Piazza medici- Merlature-bifore
Torre Troyana (Credit to Matteo Marongiu)

Altre torri interessanti e facili da osservare sono:

  • La Torre Guttuari che si trova in piazza Statuto con la sua struttura un po’ tozza e le sue merlature ghibelline.
    Torre Guttuari-Piazza Statuto- merlature
    Scorcio di Piazza Statuto con Torre Guttuari (Credit to Matteo Marongiu)

     

  • La Torre Cometina che dall’alto dei suoi 38 metri spicca, con le sue merlature, sugli edifici circostanti di corso Alfieri. Da qui per molti anni si dette il comando per il Palio quando si svolgeva lungo la via.
    Torre Cometina- Corso Alfieri- merlature
    Torre Cometina ( Credit to Faberh CC-BY-SA)

     

  • La Torre Rossa, sempre in corso Alfieri, è uno degli edifici più antichi della città. Infatti per metà è di costruzione romana, mentre la parte in tufo risale all’XI secolo. La sua forma a sedici lati è molto particolare e fa presumere che fosse una delle torri della Porta Pretoria della città. Una leggenda racconta che sia stato il luogo di prigionia di San Secondo prima del martirio. Il nome forse deriva dal colore rosso dei suoi mattoni o dalla famiglia De Rubeis che possedeva dei palazzi nelle vicinanze.
    Torre rossa- Corso Alfieri- torre romana- mattoni- arenaria
    Torre Rossa (Credit to Incola CC-BY-S)A

Cosa vedere ad Asti: il complesso del Battistero di San Pietro in Consavia

Un altro luogo affascinante da vedere ad Asti è il complesso del Battistero di San Pietro in Consavia. Questa piccola oasi di tranquillità nel centro storico ha una storia particolare che la collega direttamente alla Terra Santa. Qui infatti aveva sede uno dei sette priorati italiani dell’ordine religioso dei Cavalieri di San Giovanni. Se si guarda bene è possibile ancora oggi vedere scolpita o dipinta nel complesso la Croce di Malta, simbolo dei Cavalieri Ospitalieri.

I richiami alla Terra Santa però erano già presenti prima che si insediasse l’ordine. Infatti fu il vescovo Landolfo, pochi anni dopo l’anno 1000, ad iniziare la costruzione del primo nucleo,come copia del Santo Sepolcro. La chiesa è a pianta centrale e si sviluppa intorno al fonte battesimale. circondato da otto colonne collegate tra loro da archi a tutto sesto. L’atmosfera è resa molto suggestiva dalla luce che entra dalle piccole finestre e va a illuminare le decorazioni dei capitelli e le fasce alternate di mattoni e arenaria delle colonne.

Cosa vedere ad Asti- Battistero di San pietro in Consavia- fonte battesimale- colonne- fasce bicrome
Interno del Battistero di San Pietro in Consavia (Credit Matteo Marongiu)

Interessante è anche il piccolo chiostro che si sviluppa a lato della chiesa. Qui ci si può prendere una pausa e godersi il silenzio, ma anche ammirare alcune finestre decorate di edifici medievali abbattuti. Se avete tempo potreste fare una visita al piccolo museo paleontologico che è ospitato nell’antica casa del priore dell’Ordine.

Cosa vedere ad Asti: i Musei

La città di Asti offre molti musei che permettono di ripercorrere, sotto molti aspetti, tutta la storia della città e del territorio che la circonda. Noi abbiamo deciso di consigliarti tre di essi che a nostro avviso meritano assolutamente di essere visitati:

  • Il Museo Civico e Pinacoteca di Palazzo Mazzetti;
  • La Cripta e Museo di Sant’Anastasio;
  • Museo Alfieriano;

Tutti e tre i musei possono essere visitati con lo Smart Ticket, il biglietto cumulativo al costo di 10 euro acquistabile presso Palazzo Mazzetti.

Il Museo Civico e Pinacoteca di Palazzo Mazzetti

Il Museo civico e la Pinacoteca sono ospitate nello splendido Palazzo Mazzetti,  bellissimo esempio di edificio nobiliare barocco. Al suo interno infatti sembra di ritornare all’epoca in cui la famiglia Mazzetti fece decorare sfarzosamente le stanze del piano nobile con stucchi dorati e bellissimi mobili intarsiati.

Cosa vedere ad Asti- Palazzo Mazzetti- sala Dellani- quadri
Sala Dellani di Palazzo Mazzetti (Credit to incola CC BY SA)

In questi ambienti sfarzosi sono state organizzate diverse sezioni rese ancora più interessanti dalla possibilità di utilizzare le nuove tecnologie per approfondire la visita. In particolare ci sono la sala con il materiale archeologico, quella con i reperti medioevali e quella con opere di pittura di autori piemontesi dei secoli XVII e XVIII. Inoltre alcune sale sono riservate alla collezione di oggetti orientali di Secondo Guglielminetti  e alle opere moderne tra cui le più significative sono quelle di Renato Guttuso.

Il palazzo è anche sede di interessanti mostre temporanee che attirano tanti visitatori da tutta la regione e oltre.

La Cripta e Museo di Sant’Anastasio

La cripta e museo di Sant’Anastasio si caratterizza per essere al contempo un’area archeologica e una sede museale. Le due anime del museo si distinguono facilmente: a ovest la cripta dell’antica chiesa di Sant’Anastasio mentre a est si trovano i reperti archeologici sopravvissuti alla demolizione della chiesa.

Nella cripta si possono vedere le varie stratificazioni di testimonianze che vanno dal II secolo d.C. al ‘900 . Qui infatti si possono notare tracce della pavimentazione del foro romano, il primo pavimento medievale della chiesa, ma anche i resti dell’ultima chiesa barocca. In particolare a stupire sono le colonnine e i capitelli di età romana e tardo antica riutilizzati per la costruzione del nucleo di Sant’Anastasio.

Cosa vedere ad Asti- Cripta di Sant'Anastasio- archeologia- Colonnine- capitelli
Interno della Cripta di Sant’Anastasio (credit to Marco Odina CC BY SA)

Il museo Alfieriano

Una tappa importante quando si visita Asti è la casa natale del cittadino più illustre della città: Vittorio Alfieri. Nel Palazzo che è sede del Museo Alfieriano si possono visitare le stanze del piano nobile in cui spicca particolarmente la camera del celebre poeta allestita con i mobili dell’epoca. Il percorso prevede anche delle sale che permettono di seguire le principali tappe della vita e della sua attività artistica. Le più moderne tecnologie inoltre consentono la consultazione multimediale dei documenti d’archivio, di vedere il racconto illustrato dei suoi viaggi e i video che ripropongono gli allestimenti delle sue opere teatrali.

Cosa vedere ad Asti- Casa di Vittorio Alfieri-Museo Alfieriano-
Cortile della Casa di Vittorio Alfieri

Cosa vedere ad Asti: gli eventi più importanti

Asti è una città che ha mantenuto forti le radici con la sua tradizione pur riuscendo ad adattarsi al cambiamento dei tempi. Questo aspetto si esplicita soprattutto nei vari eventi che vengono organizzati durante l’anno.

Come abbiamo accennato in precedenza il più sentito è sicuramente il Palio d’Asti, una festa che ha le sue radici nel medioevo. La gara che si disputa la prima domenica di settembre tra i 21 rioni, borghi e comuni limitrofi di Asti. Le regole sono molto simili a quelle del più famoso Palio di Siena e oggi si corre nella centrale Piazza Alfieri. Interessante è anche il cosiddetto Paliotto, una gara che vede sfidarsi i gruppi di sbandieratori dei partecipanti al Palio. Fino a pochi anni fa si svolgeva il giovedì prima del Palio, mentre ora si tiene a maggio nell’ambito dei festeggiamenti dedicati a San Secondo.

Nel “settembre astigiano” si svolgono altri due eventi che celebrano la tradizione eno-gastronimica della città e della sua provincia: il Festival delle Sagre e la Douja d’Or. Nella prima 40 pro loco propongono le loro specialità, accompagnate da vini  DOC astigiani, in un grande ristorante all’aperto allestito in Piazza Campo del Palio. A questo si aggiunge alla domenica mattina una suggestiva sfilata in abiti d’epoca, con animali, trattori e strumenti antichi. Questo corteo mantiene vivi e celebra i valori della tradizione contadina della provincia astigiana.

La seconda invece è una manifestazione che premia i migliori vini D.O.C. e D.O.C.G d’Italia con una douja d’or (in piemontese douja significa boccale). Durante i giorni di apertura, i visitatori possono acquistare e degustare i vini premiati al concorso. Inoltre possono assistere a eventi, incontri, concerti e degustare i raffinati menù della cucina d’autore piemontese.

Ora che sai cosa vedere ad Asti, inseriscila nel tuo itinerario. Non te ne pentirai!

Summary
Cosa vedere ad Asti, città delle cento torri
Article Name
Cosa vedere ad Asti, città delle cento torri
Description
Stai pensando al Monferrato per una gita o un weekend? Allora scopri con noi cosa vedere ad Asti e inseriscila nel tuo itinerario.
Author
Publisher Name
La Scimmia Viaggiatrice
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *