I misteri e le leggende di Padova

Prato della Valle- Notte- riflessi

Le storie più misteriose della bella città veneta

Sei a Padova e ti chiedi se ci siano leggende o luoghi dalla storia misteriosa? Continua a leggere e scopri insieme a noi i misteri e le leggende di Padova.

Padova è una città affascinante che cattura chi la visita per la sua bellezza e per la sua storia antichissima. Qui la cultura è un filo diretto che unisce il passato con il presente senza soluzione di continuità. Dall’antichità, infatti, Padova è sempre stata una città in cui arte e scienza hanno trovato terreno fertile e si sono sviluppate in modo straordinario. Parallelamente però, forse alimentata dall’enorme fervore culturale, sono nate dalla fantasia dei padovani molte leggende di fantasmi e sul diavolo. Nella nostra visita alla città ne abbiamo sentito qualcuna e abbiamo voluto raccoglierle in questo articolo. Quindi leggi e scopri con noi i misteri e le leggende di Padova.

I misteri e le Leggende di Padova: Il fantasma della Torlonga

I Misteri e le Leggende di Padova- Fantasma- Ezzelino- Torre della Specola
La Torlonga di Notte

La prima delle leggende che ti vogliamo raccontare ha come scenario la Torlonga. Questa antica torre fa parte del Castello Carrarese dove ora c’è l’osservatorio astronomico della Specola.La leggenda narra che in questa famosa torre del castello aleggi il fantasma di una delle vittime Ezzelino da Romano, allora signore di Padova. Questo prigioniero si dice che, dopo essere stato torturato per molto tempo, venne imprigionato nella Torlonga fino a quando morì di stenti.

Molti pensano che il suo nome fosse Sarpendone, un valoroso guerriero dalle grandi capacità in battaglia che divenne uno dei protetti dello stesso Ezzelino. Era così vicino al suo signore che spesso quest’ultimo lo voleva al suo fianco sul campo di battaglia.

Sarpendone però era anche molto bello, e di questo ben presto se ne accorse la giovane Selvaggia. Lei era figlia di Federico Barbarossa e soprattutto moglie di Ezzelino, che la sposò nel 1236 garantendosi una solida alleanza con l’imperatore germanico. Selvaggia si innamorò di Sarpendone, lo sedusse e iniziò una relazione segreta con lui. Un giorno, però Ezzelino li scoprì, fece punire  la moglie, poi imprigionò l’uomo nella Torlonga. Qui dopo averlo torturato per fargli confessare il tradimento con Selvaggia, Ezzelino lo fece mutilare nella parte virile, e quindi lo gettò nelle prigioni. Sarpedone ferito e lasciato senza cibo né acqua resistette per qualche giorno prima di morire. Da quel giorno la sua anima si aggirerebbe nella torre senza pace.

Il fantasma del lumino

La Torlonga però sembra proprio lo scenario ideale per i fenomeni paranormali. Infatti ce n’è uno curioso che si verificherebbe ogni anno la notte del 23 giugno, festa di San Giovanni, giorno che è legato alle streghe. Molti affermano di sentire urla spettrali provenire dalle antiche prigioni, e di vedere un lumicino che arde sulla sommità della Torre. Il lumicino poi scenderebbe velocemente lungo il corpo della torre per scomparire nell’acqua del canale sottostante. C’è chi dice che sia l’anima di un prigioniero della Torlonga che, per sfuggire alle torture e alle cattiverie di Ezzelino, preferì suicidarsi.

I Misteri e le leggende di Padova: Il fantasma del violinista della Chiesa di Santa Caterina

I Misteri e le leggende di Padova- Fantasma del Violinista- Chiesa di santa Caterina
Interno della Chiesa di Santa Caterina

A Padova c’è un altro luogo che è famoso per la presenza di un fantasma: la Chiesa di Santa Caterina. Molti testimoni hanno raccontato di aver visto aggirarsi all’interno della chiesa, di notte, l’ombra di un uomo vestito in abiti settecenteschi, mentre suona appassionatamente un violino. Altre volte pare invece che a comparire sia una figura femminile che si muove come se stesse ballando al suono di una misteriosa musica. Secondo la leggenda le due figure sarebbero quelle di Giuseppe Tartini e della moglie che furono seppelliti nella chiesa nel ‘700.  La leggenda deriverebbe dal fatto che alcuni anni dopo la morte del famoso violinista di Pirano la loro tomba fu aperta e fu trovata vuota. Da qui si diffuse la convinzione che le strane ombre che si  vedevano nei pressi della chiesa di Santa Caterina, fossero i fantasmi di Tartini e della moglie.

I Misteri e le leggende di Padova: la Casa degli Specchi

La zona più misteriosa e ricca di storie di visioni terrificanti di Padova si trova, però, vicino al Duomo nei pressi della cinquecentesca Casa degli Specchi.

i Miti e leggende di Padova- Casa degli Specchi- Spiriti- presenze
Facciata della Casa degli Specchi

La strana denominazione del palazzo è dovuta ai tondi marmorei che ne decorano la facciata e sembrano proprio degli specchi. Secondo una leggenda, quei tondi non avevano solo una funzione ornamentale, ma servivano da amuleti magici per riflettere gli influssi negativi diretti alla casa. Questi quindi venivano riflessi sulla casa a fianco . Da allora, si dice che all’interno di quella casa si avvertano presenze maligne che suscitano a chi vi entra visioni terrificanti.

Le testimonianze (tutte non verificate) negli anni sono diventate molte e hanno fatto sì che l’edificio venga considerato il più infestato di Padova. Una di queste riferisce che una ragazza che dormiva all’ultimo piano si ritrovò improvvisamente seduta sul balcone con le gambe penzolanti, pronta a saltare. Alcuni invece dissero di aver visto riflessi sui vetri dei volti terrificanti. Altri raccontarono che quando entrarono in una stanza al piano terra videro i muri gonfiarsi come se all’interno contenessero dell’acqua dal cattivo odore. Qualcun altro invece un giorno scorse il fantasma di una donna anziana dai capelli bianchi lunghi, spettinati e arruffati, vestita con un lungo abito nero. Infine c’è chi dice che sia abitata dal fantasma di una bambina con le labbra cucite. Certamente per chi ama le storie di fantasmi è un luogo veramente interessante.

Lo zoccolo del diavolo della Basilica di Sant’Antonio

L’ultima leggenda che ti vogliamo raccontare è anche la più simpatica e ci porta nella Basilica di Sant’Antonio. Questa racconta che sul lato sinistro della Basilica ci sono due elementi  un po’ strani. Tra le decorazioni religiose, infatti, accanto alle cupole, appare una croce rovesciata e più in basso un segno a forma di ciabatta.

Zoccolo del diavolo- Basilica di Sant'antonio- leggenda
Lo Zoccolo del Diavolo

La leggenda  spiega che in quel lato della Basilica era intervenuto il  diavolo in persona e che quindi avesse voluto imprimere  sui mattoni  l’impronta di uno dei suoi zoccoli. In realtà, a meno che il diavolo non girasse in ciabatte questa non sembra proprio un’impronta di zoccolo, bensì una ciabatta. La presenza di questo segno ha due versioni verosimili. La prima lo fa risalire al tempo della costruzione della Basilica. Infatti a causa della grandezza dell’edificio i soldi dalla curia non bastarono alla sua ultimazione; quindi i lavori vennero portati a termine solo grazie al contributo dell’associazione dei ciabattini padovani che vollero lasciare testimonianza del loro intervento. La seconda versione invece dice che sarebbe stato un ciabattino che aveva bottega lì vicino che voleva approfittare del “Santo” per farsi un po’ di pubblicità gratuita.

Ora che conosci i misteri e le leggende di Padova non puoi che andare in giro a cercare di vedere qualche spirito!

Summary
I misteri e le leggende di Padova
Article Name
I misteri e le leggende di Padova
Description
Sei a Padova e ti chiedi se ci siano leggende o luoghi dalla storia misteriosa? Continua a leggere e scopri insieme a noi i misteri e le leggende di Padova.
Author
Publisher Name
La Scimmia Viaggiatrice
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *