Le più belle leggende di Cremona

le più belle leggende di Cremona- Piazza del Comune- notte- duomo- torrazzo- battistero

Le storie più belle legate alla città lombarda

Stai visitando Cremona e ti chiedi se ci siano delle storie curiose? Allora leggi e scopri insieme a noi le più belle leggende di Cremona!

Cremona è una città veramente interessante, che ti affascina con il suo centro storico ricco di angoli caratteristici e monumenti splendidi. Questa particolare atmosfera ha di sicuro contribuito ad alimentare la fantasia dei Cremonesi e ha fatto nascere delle leggende molto curiose. Infatti ci siamo accorti, durante la nostra visita, di quanti miti ci siano legati a questa città. Quindi abbiamo deciso di raccontarti quelle che secondo noi sono le più belle leggende di Cremona. Continua a leggere!

Ercole il mitico fondatore della città

Quando si visita Cremona ci si imbatte di frequente in statue ed effigi che rimandano alla figura di Ercole. Molti pensano che sia soltanto per l’amore che molti artisti rinascimentali avevano per questa figura mitica simbolo di forza e coraggio.

In realtà il motivo è un altro e si intuisce leggendo una tra le più belle leggende di Cremona che racconta della fondazione della città da parte di Ercole. Infatti, secondo questo mito, il dio greco, di ritorno dall’Iberia dove aveva recuperato i Pomi delle Esperidi si era fermato a riposare sulle rive del fiume Po. In quei tempi, però, la zona era infestata da ladroni dalla statura gigantesca che saccheggiavano i piccoli villaggi nei dintorni.

Saputo che da quelle parti si trovava il famoso eroe, gli abitanti più anziani si recarono da lui e gli chiesero di aiutarli a liberarsi di questi briganti. Ercole non si fece pregare molto e decise di affrontare i briganti da solo. In brevissimo tempo li sopraffece e li uccise, liberando finalmente il territorio da quel terribile male. Gli abitanti felicissimi vollero ricompensarlo donandogli le cose più preziose che avevano. Ercole però prima di andarsene decise che quelle popolazioni avessero bisogno di un luogo in cui potessero proteggersi in caso fossero sopraggiunti nuovi briganti. Quindi fondò una città fortificata e gli diede il nome della madre Alcmena che poi col tempo si trasformò in Cremona.

Stemma del comune di Cremona- Statue di Ercole- Loggia dei Militi-
Statue di Ercole che sorreggono lo Stemma del Comune di Cremona sotto la Loggia dei Militi (Credit to Matteo Marongiu)

Certamente questa leggenda, nata dalla fantasia degli eruditi cremonesi del rinascimento, cercava di spiegare la derivazione del nome della città e dell’appellativo ‘Ercùlea’ attribuito in antichità a Cremona (che non ha altro significato se non ‘possente’, così come era Ercole). Nonostante ci siano spiegazioni razionali a queste domande, passando vicino al Po abbiamo provato comunque ad immaginare Ercole a combattere contro i giganteschi briganti.

Le più belle leggende di Cremona: Zanen de la Bala

Quando abbiamo visitato Cremona abbiamo notato che nello stemma della città c’era un braccio che teneva una palla. Allora incuriositi abbiamo chiesto cosa significasse e così abbiamo scoperto la storia di Zanen de la Bala. Tra le leggende di Cremona è quella che ha una collocazione storica più chiara e definita. Infatti parla della Cremona medievale, quando era sotto il dominio del Sacro Romano Impero. A quel tempo i Cremonesi erano costretti a pagare ogni anno una tassa di 5 kg d’oro che per comodità era fuso a forma di sfera.

Un giorno, stufi di pagare questa tassa, decisero che era l’ora di staccarsi dal dominio imperiale. Quindi mandarono il più giovane dei gonfalonieri maggiori, Giovanni Baldesio, a sfidare il figlio dell’imperatore Enrico IV: se avesse vinto, Cremona avrebbe smesso di pagare la pesante tassa. E così fu. Il giovane Baldesio battè il figlio dell’imperatore e così i Cremonesi non pagarono più la tassa annuale. Ritornato in città Giovanni iniziò ad essere chiamato da tutti Zanen de la Bala, e si sposò con Berta de Zoli, una bella fanciulla di nobili origini, che gli portò in dote molte proprietà terriere.

A ricordo di quell’impresa eroica venne aggiunto allo stemma cittadino un braccio con una palla in mano, con sotto la scritta fortitudo mea in brachio, la mia forza è nel braccio.

Le più belle leggende di Cremona: il leone del Torrazzo

Mentre si passeggia in Piazza del Comune si nota una folta presenza di leoni a difesa del Duomo. Se si fa attenzione se ne possono vedere ben 13 distribuiti lungo la facciata e il Battistero. Secondo una leggenda ce ne sarebbe un altro, però non scolpito, ma bensì sepolto nelle fondamenta del Torrazzo.

Duomo di Cremona- Leone- Leggenda del leone del Torrazzo
Uno dei leoni che proteggono l’entrata del Duomo

Secondo la leggenda riportata da Jacopo da Acqui, Cremona rimase disabitata per molto tempo dopo che il re longobardo Agilulfo la distrusse.

Un giorno vicino alle rovine della città si accampò un principe gallico con il suo esercito. Dopo poco si avvicinò zoppicando un leone che gli mostrò la zampa che sanguinava a causa di una spina. Il principe, per nulla spaventato, curò la zampa del leone che subito dopo sparì per poi tornare con un capriolo in dono. Quando il mattino dopo ripartì, il leone lo seguì nel suo cammino fino a Roma. Soltanto quando vi giunse,  il principe capì che il luogo dove aveva incontrato il leone era Cremona. Una volta ripartito, sulla strada del ritorno, però. il leone venne a mancare. Il principe quindi tornò a Cremona per riedificarla e come prima cosa pose le ossa del leone nelle fondamenta del Torrazzo.

A ricordo di questo gesto in cima al Torrazzo ci fu per molto tempo un leone di metallo con la zampa alzata, che simboleggiava quel leone che sollevò verso il principe la sua zampa ferita. Dal metallo di questo leone, dopo qualche secolo, le cronache dicono che fu fabbricata una grande campana.

Nonostante siano molte le interpretazioni allegoriche degli studiosi, ci piace romanticamente credere a questa leggenda che parla dell’amore che ci può essere tra uomo e animale.

Adesso speriamo che la conoscenza di queste leggende di Cremona renda la tua visita più intrigante.

Summary
Le più belle leggende di Cremona
Article Name
Le più belle leggende di Cremona
Description
Stai visitando Cremona e ti chiedi se ci siano delle storie curiose? Allora leggi e scopri insieme a noi le più belle leggende di Cremona!
Author
Publisher Name
La Scimmia Viaggiatrice
Publisher Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *