Montone: l’Umbria medioevale

Montone-l'Umbria Medioevale-Panorama-Borgo-Natura

Cosa vedere e fare nel piccolo borgo umbro

Se sei alla ricerca di pace e tranquillità, allora è Montone il posto fatto su misura per te.

Non ci credi? Allora continua a leggere e lasciati sorprendere.

Posto su un alto colle immerso nel verde che domina la cosiddetta Alta Valle Tevere a pochi km da Città di Castello e Gubbio. Il paese si presenta circondato da imponenti mura medievali che lo rendono un luogo ideale per chi cerca un po’ di pace dalle frenesie della vita cittadina.

Infatti, attraversata una delle antiche porte, si entra in un tempo sospeso che sembra essersi fermato all’epoca del condottiero rinascimentale Andrea Fortebraccio, più famoso come Braccio, che la rese celebre e conosciuta in tutto lo stivale.

Il suo impianto medievale, caratterizzato da saliscendi e scalette, viottoli e archi, è rimasto praticamente invariato dal XII secolo. Ciò lo rende quasi un unicum in Italia, e ha permesso a Montone di essere annoverato tra i Borghi più belli d’Italia.

I 4 monumenti imperdibili di Montone

Montone: l'Umbria Medievale- Montone- Chiostro- San Francesco- Museo-Pinacoteca-Medioevo-
Chiostro di San Francesco in bianco e nero (Credit to Matteo Marongiu)

Non esistono itinerari prestabiliti e forzati delle bellezze del paese; in realtà è già esso stesso un’attrazione con i suoi angoli caratteristici e i suoi scorci mozzafiato sulla vallata sottostante. Sono però da segnalare alcuni luoghi che sono storicamente e artisticamente di enorme rilievo.

In primis puoi iniziare ammirando i resti del Forte di Braccio, l’edificio militarmente più importante, che per molti anni fu il caposaldo delle fortificazioni del paese.

Scendendo tra i vicoli ciottolati giungerai alla piazzetta principale dedicata sempre al famoso condottiero rinascimentale. Qui si erge la Torre Civica con la sua struttura quadrangolare di pietra viva e un grande orologio; assieme alle campane, che si scorgono nella cella alla sua sommità, da secoli scandisce il tempo del borgo.

Sempre legato al tempo, a pochi metri dalla torre si può notare, dipinta su un muro, una piccola meridiana che ha una particolarità: è un raro esempio di meridiana a ora italica, metodo di divisione oraria giornaliera che si diffuse in Italia dal XIV secolo.

A Montone non mancano le strutture religiose di pregio: quella di maggior rilievo e attrattività turistica è sicuramente il complesso museale di San Francesco.  All’interno sono ospitati la chiesa omonima e il convento che risalgono al XIII secolo, un suggestivo chiostro del XVI secolo e la pinacoteca comunale. Quest’ultima conserva una bella collezione di arte tardo medievale e rinascimentale che non lascia deluso il visitatore. Dal piccolo giardino adiacente all’entrata del complesso si può godere, inoltre, di un magnifico panorama sulla Valle Tiberina.

Da non mancare è una visita all’ex Chiesa di San Fedele, ora Auditorium Comunale. L’edificio si presenta semplice nella sua facciata a capanna tipica dell’epoca della sua costruzione (XI secolo); all’interno presenta dei bellissimi affreschi del XV e XVI secolo, affiorati soltanto dopo i restauri post terremoto del 1997.

Montone: un borgo, mille iniziative

Montone: L'Umbria medioevale- Corteo- Rievocazione- Donazione della Santa Spina- Folklore-Montone- Maschere
Corteo durante la rievocazione della “Donazione della Santa Spina” (Credit to Matteo Marongiu)

Il suo aspetto fuori dal tempo non deve però ingannare. Montone infatti è perfettamente in linea con la modernità e ciò lo dimostrano le numerose iniziative organizzate durante l’anno.

Certamente di rilievo internazionale è l’Umbria Film Festival, che da più di vent’anni, la seconda settimana di luglio, permette gratuitamente a cinefili e più piccoli di godere, nella piazzetta principale, di ottimi corti e lungometraggi di giovani film makers da tutto il mondo.

I Montonesi, però, si caratterizzano per un forte senso di appartenenza e partecipazione, e ciò si evince dalle altre iniziative promosse durante l’anno. Quella che coinvolge di più la popolazione è La Donazione della Santa Spina, che si tiene tradizionalmente in agosto. Questa festa è una rievocazione, patrocinata dall’Unesco, dell’episodio che vide protagonista Carlo Fortebracci. In questa occasione i tre rioni del paese Borgo, Verziere e Monte si sfidano per una settimana in numerose ed affascinanti prove. Di queste da non perdere gli spettacoli di rievocazione medievale e le gare di tiro con l’arco.

Interessante è anche La Rassegna dei Fabbri Forgiatori, che si tiene ogni due anni e va a valorizzare una delle attività che hanno reso il paese molto famoso negli anni. Da segnalare c’è anche la particolare Rassegna delle Bande Musicali. In questa occasione le bande invitate hanno ognuna a disposizione una serata in cui mettono in scena uno spettacolo coinvolgente con le proprie musiche.

Per gli amanti del gusto, in pieno autunno si tiene La Festa del Bosco, in cui il paese si anima di centinaia di stand in cui si possono assaggiare i prodotti tipici del territorio umbro come tartufo, miele e castagne e le serate sono allietate da artisti di strada e musicisti.

A proposito… quali sono i piatti tipici di Montone.

Un Montone tutto da gustare

Come tutta la cucina umbra, anche quella montonese è caratterizzata dalla semplicità e dalla qualità dei prodotti.

L’antipasto tipico è una tagliere di salumi e formaggi che si abbinano al Brustegolo, un pane povero arricchito dalla frutta secca, o a delle semplici bruschette condite con olio umbro e aglio.

Come primo, sicuramente da provare sono gli Strangozzi conditi con un ragù di selvaggina o con il tartufo. Tutti questi piatti, accompagnati benissimo dai vini dei Colli Alto Tiberini D.O.C., si possono gustare in ogni periodo dell’anno nelle numerose ed eccellenti osterie e locande presenti nel paese.

I sentieri da fare e da rifare

Non vorrai però passare tutto il tempo a tavola, vero? Non c’è problema!

Montone offre numerose possibilità di attività all’aria aperta. Tra esse bellissimi sentieri per passeggiate rilassanti immersi nel verde o percorsi impegnativi di esplorazione del territorio da fare in mountain bike o a piedi. Noi vi consigliamo il suggestivo “Anello di Montone e della rocca di Aries” e “La via dei Mulini”.

Interessanti sono anche le passeggiate a cavallo e la pesca presso i laghi di Faldo.

A questo punto non ti resta che prenotare un bel weekend a Montone e scoprire le sue bellezze!!

 

 

Summary
Montone: l'Umbria medioevale
Article Name
Montone: l'Umbria medioevale
Description
Se sei alla ricerca di pace e tranquillità, allora è Montone il posto fatto su misura per te. Non ci credi? Allora continua a leggere e lasciati sorprendere.
Author
Publisher Name
La Scimmia Viaggiatrice
Publisher Logo

6 pensieri su “Montone: l’Umbria medioevale

  1. Ciao ragazzi, sapete che Montone sembra proprio un bel posto??! Credo proprio che quando andremo ad Anghiari, Città di Castello e dintorni lo inseriremo nel nostro itinerario!
    Bella anche la possibilità di abbinare la visita al borgo ad un trekking col percorso ad anello! Noi siamo amanti delle passeggiate e ogni consiglio per stare in mezzo alla natura lo prendiamo come oro colato!
    In più gli strangozzi al tartufo non devono essere niente male…!!! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *