Cosa vedere ad Assisi, patria di San Francesco

Cosa vedere ad Assisi-Basilica di San Francesco-Basilica Superiore-San Francesco d'Assisi-Porticato

Breve guida alla scoperta dei segreti della“Città della Pace”

Senti sempre parlare di Assisi ma non ci sei mai stato? Allora, prima di partire, leggi questo articolo e scopri con noi cosa vedere ad Assisi.

Assisi è una bellissima cittadina nel cuore dell’Umbria, a pochi chilometri da Perugia ma anche da altri splendidi centri come Foligno e Spello. La sua storia è molto antica e si può dire tranquillamente che esiste una storia di Assisi prima di San Francesco e una post San Francesco, e ciò si può chiaramente capire camminando tra le sue vie. Infatti questa città fu fondata dagli Umbri nell’VIII secolo a.C. per poi diventare dal II secolo a.C. un’importante città romana.

Con la fine dell’Impero Romano perse molta della sua importanza e subì molti assedi e saccheggi che la videro passare sotto diversi domini. Con l’avvento di San Francesco e Santa Chiara divenne uno dei centri più importanti della cristianità e fu abbellita da bellissime basiliche e chiese. Se ne vuoi sapere di più continua a leggere e scopri le molte bellezze da vedere ad Assisi.

Cosa vedere ad Assisi: la Basilica di San Francesco

Il nostro tour alla scoperta di cosa vedere ad Assisi non può che partire da quel monumento che è da secoli ormai il simbolo della città: la Basilica di San Francesco. Sarà per la posizione che domina la conca della Valle Umbra, oppure soltanto per il chiarore delle pietre con cui è costruita, ma la Basilica è sicuramente uno di quei luoghi che, nonostante tu possa non essere credente, ti porta ad avere un momento di spiritualità quasi religiosa.

Basilica di San Francesco-Assisi-gotico-Statua-pellegrini
Basilica di San Francesco d’Assisi (Credit to Matteo Marongiu)

Il monumento è in realtà costituito da due basiliche, una sovrapposta all’altra. Quella inferiore possente, intima e raccolta, una vera chiesa mausoleo, dove sono poste le spoglie del Santo e dove si possono ammirare gli affreschi di Cimabue e Giotto. Quella  superiore, invece,  è il luogo delle grandi cerimonie solenni, dove si ha un vero e proprio trionfo di luci e colori. Protagonisti della scena sono le vetrate policrome, le  più antiche al mondo, e lo splendido ciclo pittorico sulla vita di San Francesco di Giotto, che risultarono rivoluzionarie all’epoca per il realismo con cui furono dipinti i personaggi.

Basilica Superiore-San Francesco-Giotto-Affreschi-vetrate-colori
Interno della Basilica Superiore di San Francesco d’Assisi

Cosa vedere ad Assisi: gli altri siti francescani

Assisi, però, è entrata nel novero dei siti Unesco anche per altri luoghi legati al Santo. Uno di questi luoghi è sicuramente la basilica dedicata all’altra Santa di Assisi: Santa Chiara. La chiesa ricorda molto la contemporanea basilica di San Francesco, anche se si discosta per il colore (bianca e rosa a fasce) e per gli enormi archi rampanti che sorreggono le pareti laterali. All’interno si può ammirare, oltre alle reliquie della Santa, anche il crocefisso che, secondo la leggenda, parlò a San Francesco portandolo alla conversione.

Basilica di Santa Chiara-Panorama-
Basilica di Santa Chiara ad Assisi (Credit to Sebastiano Iervolino from Pixabay)

Nel centro storico non si può tralasciare di visitare la Cattedrale di San Rufino, vescovo, martire e patrono di Assisi. L’interno della chiesa, cinquecentesco, accoglie una cisterna romana, la fonte battesimale alla quale furono battezzati Francesco e Chiara e la bellissima cripta della Basilica Ugoniana (al posto della quale fu costruita quella esistente), che risale al XII secolo.

A pochi kilometri dal centro, si possono visitare due luoghi molto umili legati direttamente alla vita del Santo: l’Eremo delle Carceri e la Porziuncola. Il primo, immerso in un bosco di lecci ai piedi del Monte Subasio, è il luogo dove si rifugiava Francesco con i suoi seguaci in meditazione. La seconda è una piccola chiesetta contenuta all’interno della Basilica di Santa Maria degli Angeli, in cui spesso San Francesco pregava e luogo in cui fondò l’ordine francescano.

Il Bosco di San Francesco

Un altro luogo molto interessante da vedere ad Assisi è il Bosco di San Francesco. Questo splendido angolo di paesaggio umbro si trova ai piedi della Basilica di San Francesco ed è stata recuperata da pochi anni dal FAIImmersi tra ulivi, ginestre e aceri si possono scoprire un ex monastero di monache benedettine, la chiesa romanica di Santa Croce, un vecchio mulino e persino l’opera di land art “il Terzo Paradiso” di Michelangelo Pistoletto.

Cosa vedere ad Assisi: Piazza del Comune e le domus romane

Ad Assisi, inoltre, sono presenti numerosi edifici che non si collegano direttamente alle vicende francescane. Esse però contribuiscono egregiamente a raccontare l’appassionante storia della città. Continua a leggere e scoprili con noi!

I monumenti di Piazza del Comune

Per capire l’importanza di Assisi nei secoli basta andare nella Piazza del Comune, il fulcro della vita cittadina. Qui si trovano il Palazzo dei Priori, cinquecentesca sede del comune, il Palazzo del Capitano del Popolo, della seconda metà del XIII secolo. Adiacente c’è la Torre del Popolo, un interessante campanile civico del 1305. Alla sua base si trovano murate le misure trecentesche di mattoni, tegole e tessuti in uso nel comune. Accanto ad essa non si può che rimanere meravigliati dal Tempio di Minerva, un vero e proprio tempio di età augustea. Questo tempio è uno dei meglio conservati del mondo antico! Con le sue altissime colonne corinzie e il suo frontone ti fa fare un salto indietro di duemila anni. A completare la piazza c’è la cosiddetta Fonte di Piazza, una interessante fontana cinquecentesca ornata da tre leoni.

Piazza del Comune-Assisi-Tempiodi Minerva-Palazzo dei Priori-Palazzo del Capitano del Popolo-Torre del Popolo-Fonte di Piazza-Leoni-Santa Maria sopra Minerva
Scorcio di Piazza del Comune ad Assisi (Credit to Matteo Marongiu)

L’Assisi romana

Assisi, però, ha un lato nascosto che merita di essere scoperto. Basta scendere di qualche metro sotto il livello della strada per riscoprire i fasti dell’antica città romana di Asisium. Proprio sotto la piazza del Comune, infatti, sono presenti i resti dell’antico Foro Romano  e una interessante collezione archeologica. Altri siti molto interessanti sono quelli della Domus di Sesto Properzio e della Domus del Lararium. La prima si dice che sia la domus del poeta Properzio ed è caratterizzata da dei bellissimi affreschi a tema naturale. La seconda, invece, ha delle bellissime decorazioni in rosso pompeiano e dei mosaici veramente splendidi.

Fuori dal centro storico, sulla collina che domina la città, c’è la Rocca Maggiore, da cui si può ammirare un bellissimo panorama sulla città e sulla valle intera.

Assisi è ricca anche di manifestazioni e propone ottimi cibi e vini. Non ci credi? Continua a leggere e vedrai che non mento!

Assisi e le sue manifestazioni

Sicuramente la manifestazione più sentita dagli assisiani è la Calendimaggio, che si svolge ogni anno il mercoledì  dopo il 1 Maggio. In questa occasione le due fazioni cittadine, la Parte di Sopra e la Parte di Sotto si sfidano in gare che consistono in cortei, scene di rievocazione della vita medievale nei vicoli della città ed esibizioni di musica medioevale. A decretare la fazione vincitrice è una giuria, composta da esperti di fama internazionale, solitamente uno storico, un musicologo e un personaggio dello spettacolo.

Sullo stesso genere sono il Palio di San Rufino a fine giugno, in cui c’è una famosa gara tra i balestrieri degli antichi terzieri della città, e la Cavalcata di Satriano a settembre, con i fantini in costume d’epoca. Quest’ultima ripercorre il tragitto percorso da San Francesco nell’estate del 1226: il Santo, gravemente malato, infatti, era andato a curarsi nella cittadina termale di Nocera Umbra. Di qui partì per il suo ultimo viaggio verso Assisi scortato da cavalieri della sua città natale, qualche settimana prima della morte.

Corteo storico-Calendimaggio-Assisi-costumi-gonfalone-Parte de sopra-parte de sotto-
Corteo storico durante il Calendimaggio (Credit to calendimaggioassisi.com)

Assisi e i suoi piatti tipici

Assisi, come tutta l’Umbria, si fa apprezzare per i suoi ottimi prodotti culinari. Non ti dimenticare quindi di assaggiare le prelibatezze locali, come il ciauscolo, un salume spalmabile ottimo con il pane locale, e i buonissimi Umbricelli con il Tartufo nero, che si accompagnano in modo eccezionale ad un’altra eccellenza del territorio assisiano, il vino Assisi Doc in tutte le sue versioni. Se non sei ancora sazio, ti consiglio di assaggiare i Baci di Assisi, golosi pasticcini di morbida pasta di mandorle al sapore di pistacchio, ricoperti con sottilissime fettine di mandorle tostate.

Dopo questo articolo sei pronto per prenotare l’albergo (clicca qui per scoprire le migliori strutture ai migliori prezzi!) e scoprire con i tuoi occhi le bellezze da vedere ad Assisi! Buon Viaggio!

P.S. Se vuoi una guida della città clicca qui!

Seguici sui Social

Summary
Assisi, la patria di Chiara e Francesco
Article Name
Assisi, la patria di Chiara e Francesco
Description
Senti sempre parlare di Assisi ma non ci sei mai stato? Allora, prima di partire, leggi questo articolo e scopri con noi cosa vedere ad Assisi.
Author
Publisher Name
La Scimmia Viaggiatrice
Publisher Logo

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

FacebookTwitterLinkedInInstagramPinterest